Scadenza imbracature di sicurezza: normativa, durata e revisione

Scadenza imbracature di sicurezza: normativa, durata e revisione

Lavorare in quota comporta dei pericoli e quindi bisogna affidarsi alle protezioni per scongiurare rischi anche fatali. Il dispositivo individuale da indossare durante i lavori in quota è l’imbracatura di sicurezza, che contiene tutti gli elementi necessari per proteggere adeguatamente. Nel sistema di protezione anticaduta l’imbracatura svolge infatti un ruolo determinante perché, in caso di caduta, deve distribuire in maniera omogenea le forze in gioco su tutto il corpo in modo da evitare lesioni gravi.

Per valutare la sicurezza delle imbracature si fa riferimento ad alcuni dati fondamentali che sono la marca, il modello, il marchio CE, data di fabbricazione, le norme del produttore, le istruzioni d’uso, la norma di riferimento.

E’ proprio questa a regolare infatti l’imbracatura e il suo utilizzo, come tutti gli altri DPI, deve sottostare a delle norme specifiche. Nella normativa di riferimento sono riportate tutte le indicazioni riguardanti tipologia, modalità d’uso, scadenza. Quest’ultima è un altro aspetto importante da tenere in alta considerazione, anche se molti non lo sanno. Vediamo di saperne di più sulla normativa, sulla verifica, sulla durata e sulla scadenza imbracature di sicurezza.

Imbracature di sicurezza normativa

La normativa imbracature anticaduta di riferimento è la UNI EN 365, che regola le disposizioni sui DPI contro le cadute dall’alto. La normativa elenca i requisiti generali che riguardano istruzioni per uso, manutenzione, riparazione, ispezione periodica, dispositivi di trattenuta per il corpo ed altri equipaggiamenti utilizzati per prevenire cadute, per accessi, uscite e posizionamento sul lavoro.

La norma EN 365 quindi stabilisce ogni DPI anticaduta deve essere sottoposto a regolare manutenzione ed ispezione periodica e quando occorre devono essere effettuate le apposite riparazioni. Nello specifico impone di effettuare:

Manutenzione imbracature di sicurezza

E’ necessaria per mantenere il dispositivo in corretto funzionamento in modo da garantire la dovuta sicurezza nell’utilizzo. La manutenzione va eseguite con azioni preventive come pulizia e conservazione adeguata.

Verifica periodica imbracature

la verifica imbracature di sicurezza deve essere fatta con regolare periodicità, con cadenza annuale, e prevede una accurata ispezione del DPI per accertare se vi sono dei difetti. L’attività di verifica deve essere svolta solo da un esperto che ha la dovuta competenza e in regola con le procedure di verifica stabilite dal fabbricante.

Revisione imbracature di sicurezza

L’attività di revisione va svolta per verificare se vi sono dubbi sul funzionamento del DPI, e nel caso fosse possibile ripararlo. In caso non sia fattibile si deve obbligatoriamente provvedere alla sostituzione imbracature anticaduta.

Scadenza imbracature anticaduta

Le imbracature di sicurezza hanno una scadenza, come stabilisce la normativa UNI EN 365, scadenza che viene indicata sul DPI dal produttore. Per sapere quanto dura un imbracatura  bisogna tenere conto come inizio la data di fabbricazione. La durata delle imbracature di sicurezza in genere è di 5 anni, ma comunque non si tratta di una regola fissa per tutti, e viene quindi stabilita dal produttore. Tuttavia, bisogna considerare che la durata è valida se i DPI sono utilizzati e conservati correttamente secondo le istruzioni riportati sui libretti di uso e manutenzione.

Verifiche periodiche imbracature di sicurezza

Nella norma EN 365 sono contenute anche tutte le informazioni su come e quando devono essere fatte le verifiche periodiche imbracature di sicurezza. Le visite sono obbligatorie e per legge i DPI anticaduta devono essere verificati almeno una volta all’anno e solo da personale competente e qualificato.

Oltre alle indicazioni per le verifiche periodiche, nel libretto fornito dal costruttore devono essere riportate e descritte le procedure messe in atto per eseguire la corretta manutenzione e le riparazioni nel caso sia stato necessario.

Inoltre, nella scheda di controllo imbracature di sicurezza deve essere presente tutta la storia di ogni ispezione effettuate con relative date ed esiti delle verifiche. Infine, deve anche essere presente la firma di chi le ha effettuate.

Secondo il D.Lgs 81/08 e s.m.i. il Datore di Lavoro è obbligato a mantenere in efficienza i DPI e quindi in questo caso le imbracature di sicurezza e assicurarne le condizioni d’igiene tramite la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni quando ritenuto necessario e secondo le indicazioni eventuali fornite dal fabbricante. Un mancato rispetto della verifica è soggetta a sanzioni a carico del Datore di Lavoro che può consistere in arresto o ammenda.

Check list verifica imbracature

In una check list verifica imbracature è fondamentale che ad eseguire la verifica sia solamente personale abilitato e competente.

E’ infatti la persona competente a conoscere i requisiti della verifica periodica, delle raccomandazioni e delle istruzioni indicate dal fabbricante. La persona che esegue la verifica deve infatti:

  • Essere in grado di identificare e fare una valutazione di eventuali difetti
  • Mettere in atto l’azione corretta da intraprendere
  • Avere la capacità e le risorse per eseguire le dovute rettifiche

L’ispezione effettuata da tecnici abilitati è dunque fondamentale per rilevare anomalie nelle imbracature di sicurezza e calcolarne anche la scadenza secondo le indicazioni citate in precedenza.

Vai all'articolo precedente:Come indossare imbracatura anticaduta e quale scegliere
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image