Sicurezza nei cantieri stradali: norme, gestione e segnaletica

Sicurezza nei cantieri stradali: norme, gestione e segnaletica

Allestire un cantiere stradale richiede particolare attenzione, visto i numerosi fattori di rischio che comporta. E’ dunque fondamentale ridurre al minimo le probabilità di incidenti e infortuni riguardanti sia l’incolumità del personale addetto che quella di veicoli e di tutti coloro che transitano nei pressi della strada su cui sono in corso i lavori.

Scopriamo quali sono le norme, la gestione e la segnaletica da osservare per la sicurezza nei cantieri stradali.

Normativa per la sicurezza cantieri stradali

Le norme di sicurezza cantieri stradali illustrate nel Dlgs 81/08 vanno integrate con le disposizioni riguardanti la salute e la sicurezza sul lavoro con quelle relative al Codice della Strada.

Ciò vuol dire che il datore di lavoro deve effettuare un dvr cantieri stradali, ovvero una valutazione dei rischi, contenuta nel piano operativo di sicurezza cantiere stradale, tenendo in considerazione fattori tipo:

  • Traffico
  • Tipologia di strada
  • Conflitti o interazioni con esercizi commerciali, mezzi, residenti, ecc.
  • Interferenze sulla viabilità standard

Un aspetto fondamentale della normativa è l’apposizione di segnaletica idonea che, ai sensi del DM 10.07.2002, deve avvertire della presenza del cantiere e deve permettere di individuare l’esatta situazione che il conducente dovrà affrontare sia di giorno che di notte. In pratica, la segnaletica deve guidare il conducente a comportarsi nella maniera corretta.

Per ogni tipo di lavoro da eseguire il piano operativo di sicurezza deve comprendere non solo le adeguate misure di prevenzione e protezione, ma anche schemi e tavole che illustrino concretamente l'allestimento del cantiere.

Per garantire la sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali il D.Lgs.  81/08 obbliga all’uso di abbigliamento lavori stradali adeguati, consistenti in specifici D.P.I. individuati in base al rischio considerato e al loro utilizzo.

Il dpi e ogni altra attrezzatura che il lavoratore deve indossare ha lo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi. Il D.P.I. è fornito dal datore di lavoro e nel POS sono indicati i DPI necessari per ogni fase di intervento.

Ogni tipologia di rischio investimento cantiere stradale e dpi idoneo viene valutata dal datore di lavoro con la collaborazione del medico competente. Il lavoratore ha l’obbligo di utilizzare i dpi cantiere stradale previsti.

Altre norme di riferimento per garantire la sicurezza cantiere stradale sono le seguenti:

  • Art. 21 del Nuovo Codice della Strada (D.Lgs. 285 del 30.04.1992) – stabilisce le norme riguardanti le modalità e i mezzi per delimitare e segnalare i cantieri, garantire visibilità sia di giorno che di notte degli addetti ai lavori, alle regole necessarie per regolare il traffico.
  • Art.  30  all’Art. 43 – Regolamento di Esecuzione e di Attuazione del Nuovo Codice della Strada D.P.R. 495 del 16.12.1992.
  • DM 10.07.2002 – Disciplinare tecnico riguardante gli schemi segnaletici differenziati per categoria di strada, da utilizzare per segnalazioni temporanee

Sicurezza nei Cantieri Stradali

Gestione sicurezza cantieri stradali

La gestione del cantiere stradale, secondo quanto indicato nel nuovo impianto normativo del T.U.81/2008 nelle responsabilità per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori è da attribuire a diverse figure professionali che sono coinvolte nell’intervento da realizzare.

La normativa definisce gli obblighi variabili a seconda dell’entità del cantiere, il numero di imprese che vi lavorano e la tipologia di interventi da eseguire, come riportato dal Titolo IV dall’art. 88 all’art.104.

Per garantire la sicurezza nel cantiere stradale, punti cardine riguardo la gestione del cantiere, sono il committente e il responsabile dei lavori.

La normativa attribuisce al committente responsabilità significative nella gestione del cantiere, tuttavia prevede anche che si possa nominare un responsabile dei lavori, che può essere il progettista o il direttore dei lavori, che si occuperà di prendere le dovute decisioni assumendosene anche la responsabilità.

Il committente, quindi, o il responsabile dei lavori, comunica il nominativo dei coordinatori per la sicurezza, nominativi che devono essere indicati anche nel cartello del cantiere. 

Posizionamento segnaletica stradale di cantiere

L’allestimento di un cantiere stradale che tiene lontano i rischi lavoro su strada prevede un corretto posizionamento della segnaletica. La regola è valida sia per i cantieri fissi che per quelli mobili.

Poiché le situazioni a rischio sono varie, è fondamentale che il segnalamento sia uniforme, così da garantire agli utenti una migliore informazione. Di conseguenza, una volta compresa l’informazione sul pericolo, i conducenti devono tenere un comportamento adeguato alla situazione presente.

La segnaletica di sicurezza nei cantieri stradali deve dunque rispettare i seguenti criteri che ne determinano il posizionamento:

  • Adattamento – la segnaletica deve essere adattata alla situazione specifica in modo da rappresentarla al meglio
  • Coerenza – la coerenza delle segnalazioni aiuta l’utente ad orientarsi e a seguire regole di comportamento idoneo a tutelarsi dai rischi. Devono quindi essere evitati messaggi contraddittori o sovrapposti
  • Credibilità – la situazione reale deve rispecchiare quella rappresentata nei segnali in maniera tale che l’utente si fidi del messaggio
  • Visibilità e leggibilità – le dimensioni, la forma, i colori e i simboli devono coincidere sempre con quelli regolamentari e devono essere in buono stato di manutenzione
Vai all'articolo precedente:Scadenza imbracature di sicurezza: normativa, durata e revisione
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image