Dpi prima categoria: quali sono e quando usarli

Dpi prima categoria: quali sono e quando usarli

Durante lo svolgimento delle varie attività lavorative possono verificarsi situazioni in grado generare rischi e di conseguenza danni per la salute degli individui.

Per questo il Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro D.Lgs. n. 81/2008 stabilisce che i lavoratori devono operare in sicurezza sui luoghi di lavoro e obbliga il datore di lavoro ad effettuare l’analisi dei rischi di natura chimica, fisica e biologica associati alle varie mansioni.

Per prevenire e salvaguardare la salute dei dipendenti, ogni datore di lavoro deve attuare le necessarie misure di protezione, nel cui ambito rientrano i dpi, che si suddividono in tre categorie. Scopriamo cosa sono i Dpi prima categoria, quali sono e quando usarli.

Cosa sono i dpi di prima categoria

I dispositivi di prima categoria sono quei dispositivi di progettazione semplice destinati a tutelare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità. Si tratta quindi di protezioni destinate a lavoratori che svolgono mansioni che comportano rischi minimi ed è consentito al lavoratore stesso poter definire il livello di protezione necessario. Le attrezzature assegnate a questa categoria devono essere corredate di dichiarazione di conformità fornita dal produttore e devono avere anche marcatura CE.

Dpi di prima categoria quali sono

I Dpi di 1 categoria sono quei dispositivi idonei per la protezione degli occhi, della testa, delle mani, delle braccia, delle gambe o piedi, gli indumenti di protezione. Tra gli esempi di dpi di prima categoria troviamo:

  • Protezioni per gli occhi: maschere ed occhiali per l’immersione ed il nuoto, protettori dell’occhio progettati per fornire protezione contro la luce del sole, occhiali da sci di varia tipologia inclusi quelli correttivi
  • Protezioni per il capo: copricapo leggeri progettati e costruiti appositamente per proteggere la testa
  • Indumenti protettivi: si tratta di Indumenti o accessori progettati e realizzati per proteggere dalle condizioni atmosferiche quando non sono buone, dalle aggressioni meccaniche che hanno effetti superficiali, dai rischi mentre si manipolano oggetti caldi ma con temperature non superiori a 50°C e che non espongono ad urti pericolosi.
  • Protezioni per mani e braccia: i dispositivi o gli accessori per mani e braccia possono essere fissi o staccabili e sono studiati per proteggere contro le aggressioni da agenti per la pulizia di azione lieve per uso professionale, rischi meccanici con effetti superficiali, il calore e i rischi generati da corpi o componenti caldi che non espongono il soggetto a temperature sopra i 50°C né a urti pericolosi e dal freddo estremo.
  • Protezioni per piedi e gambe con funzione antiscivolo: i dispositivi o gli accessori per lo sport possono essere fissi o staccabili e sono progettati e costruiti per proteggere da urti e vibrazioni che non interessano zone vitali del corpo e i cui effetti non arrecano lesioni permanenti. Questi dpi proteggono dalle condizioni atmosferiche quando non sono eccezionali e nemmeno estreme.

Dispositivi di Protezione Individuale di Prima Categoria

Quando usare i dpi 1 categoria

I dpi di prima categoria sono destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici minimi e devono essere usati quando si svolgono determinati compiti e vi sono rischi lievi e che non causano danni irreversibili.

In questo caso si tratta di proteggere da lesioni superficiali, dal contatto con detergenti poco aggressivi oppure dal prolungato contatto con l'acqua, dal contatto con superfici calde la cui temperatura non supera i 50 °C, dall'esposizione ai raggi solari, da condizioni atmosferiche non estreme.

In questo ambito rientrano i lavori di giardinaggio, lavori meccanici di lieve entità che richiedono copricapo leggeri, guanti, occhiali da sole e altri dispositivi prima elencati per proteggere capo, braccia, mani e gambe. Bisogna individuare il rischio con esattezza per fruire al meglio dei dispositivi di prima categoria.

Vai all'articolo precedente:Dpi seconda categoria: quali sono e chi deve usarli
Vai all'articolo successivo:Zone Atex a rischio esplosione: quali DPI usare e come comportarsi
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image