Rischio elettrico: valutazione e dpi da usare

22 Luglio 2022
Rischio elettrico: valutazione e dpi da usare

La valutazione del rischio elettrico è un obbligo introdotto dal Titolo III del Testo Unico della Sicurezza, il D. Lgs. 81/08 e si propone di garantire una prevenzione efficace del rischio elettrico. Scopriamo nel dettaglio cosa si intende per rischio elettrico, come viene effettuata la valutazione e i dpi da utilizzare.

Valutazione rischio elettrico

Nel redigere il documento di valutazione del rischio elettrico, compito che spetta al datore di lavoro, è fondamentale considerare diversi elementi, che comprendano anche le caratteristiche specifiche dell'attività lavorativa, quelle dell'ambiente di lavoro e le figure coinvolte. Ecco, dunque, una panoramica dei fattori da tener presenti.

Per essere in regola, il dvr rischio elettrico deve rispondere anche alle normative tecniche nazionali (CEI 11-27:2021 e CEI 50110-1:2014), oltre che alla norma UNI ISO 45001. Un requisito fondamentale per eseguire l’analisi del rischio elettrico è la realizzazione degli impianti secondo la “regola dell’arte”.

In pratica, la verifica di conformità degli impianti va effettuata ancora prima della valutazione del rischio elettrico. Nel caso il riscontro sia negativo, determina a priori una condizione di rischio inaccettabile per i lavoratori. Il datore di lavoro, per garantire la conformità degli impianti elettrici dovrà:

  • verificare che l’impianto elettrico sia installato a regola d’arte
  • verificare la documentazione di progetto e le dichiarazioni di conformità
  • accertare che i fabbricati risultino protetti dalle scariche atmosferiche
  • predisporre una regolare manutenzione e verifica per l’impianto elettrico

Pericoli principali legati al rischio elettrico

La folgorazione è uno dei principali pericoli legati al rischio elettrico. La folgorazione consiste nel passaggio di una scarica elettrica artificiale al corpo umano, che può avvenire per contatto diretto o indiretto:

  • Nel caso di contatto diretto l'elettricità viene trasmessa dalla fonte di energia direttamente alla persona
  • Nel caso di contatto indiretto la corrente arriva al corpo tramite un conduttore, che può essere un metallo o l'acqua.

Altro rischio elettrico è anche l’incendio, dovuto alla presenza contemporanea di materiale infiammabile e fenomeni elettrici che possono innescarlo, come archi, scintille, punti caldi superficiali.

Infine, l’esplosione, causata dalla coesistenza di atmosfera pericolosa, dovuta alla presenza di sostanza miscela gas, vapore o polvere potenzialmente esplosivi e fenomeni elettrici.

Prevenzione rischio elettrico

Le misure di prevenzione rischio elettrico presentate nel dvr devono essere le seguenti:

  • Protezione totale – va fatta sugli impianti accessibili a tutti e realizzata con isolamento resistente agli sforzi meccanici, elettrici e termici, non rimovibile delle parti attive o va fatta con involucri e barriere che possono impedire il contatto diretto.
  • Protezione parziale – va effettuata sugli impianti accessibili solo a personale formato e realizzata tramite ostacoli, che devono impedire il contatto casuale e l’avvicinamento non intenzionale a parti attive durante lavori sotto tensione o di manutenzione.

Dpi rischio elettrico

Nel dvr rischio elettrico il datore deve indicare i dispositivi di protezione individuali, che i lavoratori devono utilizzare per tutelarsi. In particolare, i DPI più importanti per i lavori elettrici sono i guanti isolanti, indispensabili per difendere dalle parti sotto tensione.

I guanti da usare sono quelli che possiedono i requisiti previsti dalla norma EN 60903, ma vi sono altri dpi da usare per il rischio elettrico, come le maniche isolanti, progettate per prevenire contatti con parti sotto tensione nella parte superiore del braccio, le visiere e l’elmetto.

Visiere od occhiali sono utili per proteggere il viso da aggressioni meccaniche, chimiche o radiazioni, l'elmetto serve per prevenire il rischio di lesioni dalla caduta di oggetti o colpi alla testa. Indispensabili sono anche le calzature isolanti, come stivali o scarpe isolanti, che proteggono dalle scosse elettriche e abbigliamento protettivo arco elettrico, che assicura una adeguata protezione.

Vai all'articolo precedente:Dvr ufficio: rischi lavorativi specifici
Vai all'articolo successivo:Valutazione rischio silice cristallina: classificazione e dpi
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.

Iscriviti alla Newsletter ed ottieni 5€ di Sconto!

Subito per te un Coupon da utilizzare sul Tuo Acquisto!

Iscriviti subito×
Torna su