Semimaschere filtranti

Filtra Per:

Guida all'acquisto di semimaschere filtranti

Le semimaschere filtranti sono dispositivi di protezione individuale riutilizzabili che coprono bocca, naso e mento e sono dotati di valvola di espirazione.

Nella semimaschera vengono inseriti uno o più filtri sostituibili destinati a trattenere gli inquinanti presenti nell'aria che costituiscono i fattori di rischio.

Una delle caratteristiche della mezza maschera è la perfetta tenuta sul viso alle infiltrazioni degli inquinanti che viene garantita dall'impiego di particolari gomme o siliconi che si adeguano ai lineamenti dell'utilizzatore.

I filtri si devono scegliere in funzione dell'inquinante. Sono dotati di una sigla che indica l'idoneità a trattenere polveri, solventi o gas.

Per le polveri i filtri idonei sono classificati con la lettera P e la loro efficacia va da P1 a P3.

I filtri da usare con le semimaschere antigas sono contraddistinti con le lettere A per vapori organici e solventi, B per gas e vapori organici, E per anidride solforosa e gas solforici, K per ammoniaca.

Ci sono filtri polivalenti che possono trattenere sia inquinanti aeriformi che polveri, e per un filtro adatto ad una semimaschera per la verniciatura a spruzzo, la sigla sarà A2P2 che significa che è adatto sia a trattenere l'esalazione di solventi che le polveri tossiche in classe 2.

Il vantaggio delle semimaschere è la loro durata. Infatti si cambiano solo i filtri una volta esauriti, mentre il dispositivo rimane a lungo in dotazione al lavoratore.

I filtri si sostituiscono quando l'operatore inizia ad avvertire l'odore della lavorazione. Hanno una loro scadenza oltre la quale non possono essere riutilizzati.

Per le semimaschere la sostituzione deve avvenire solo quando l'operatore avverte una infiltrazione laterale.

LoginAccount
Torna su
Cookie Image