Calze da lavoro

Filtra Per:

Guida all'acquisto di calze da lavoro

Chiunque abbia avuto vesciche ai piedi nel bel mezzo di una giornata di lavoro sa benissimo che le calze da lavoro sono molto importanti anche a costo di spendere molto. Il costo infatti dipende dalle esigenze, quanto tempo si indosseranno le calze, cosa si farà durante questo intervallo di tempo e quanto sarà intensa l'attività.

Ci sono infatti una serie di parametri da valutare nella scelta dei calzini da lavoro. Vediamone alcuni.

Materiale di fabbricazione

La lana merino è senza dubbio uno dei materiali migliori in circolazione: resistente, antiallergica, fresca d'estate e calda d'inverno, costituisce anche un investimento per evitare il doppio acquisto di calze da lavoro estive e calze da lavoro invernali.

Meno costoso è sicuramente l'acrilico, che però è versatile, comodo ed è facile da calzare. Inoltre si asciuga molto facilmente. Di buona riuscita sono anche il cotone, che però assorbe poco l'umido, i materiali sintetici come il nylon, l'elastan e la lycra, che aumentano le prestazioni delle calze, soprattutto se combinati con quelli naturali.

Altezza della calza

La scelta va sempre commisurata alla lunghezza delle scarpe che si indossano.

Rapporto peso/spessore

maggiore sarà lo spessore, maggiore sarà la morbidezza della calzata, specialmente se c'è un'alta percentuale di lana. Le calze doppie sono mediamente più calde. In casi particolari, possono essere indicate calze termiche da lavoro.

Molto importante prima dell'acquisto delle calze da lavoro rinforzate è verificare i punti in cui l'usura è maggiore e quelli in cui è più probabile che il piede abbia degli impatti traumatici. In questi casi si parla di calze tecniche da lavoro.

LoginAccount
Torna su
Cookie Image