Scadenza estintori: cosa fare e come smaltirli

Scadenza estintori: cosa fare e come smaltirli

Lo smaltimento estintori scaduti è una questione che riguarda uffici e aziende italiane e va affrontato rispettando le normative che regolano questa materia quanto mai attuale.

La normativa 46 del Decreto Legislativo 81 del 2008 prevede che nei luoghi di lavoro siano adottate misure idonee per prevenire gli incendi e salvaguardare l’incolumità dei dipendenti.

Proprio per rispettare questa normativa è obbligatoria la presenza di uno o più estintori portatili in ogni ufficio o luogo di lavoro. Gli estintori devono essere distribuiti in modo uniforme e nei pressi delle uscite, posizionati in luogo visibile, facilmente accessibile e segnalati in modo adeguato.

Anche gli estintori hanno una scadenza e per smaltirli in modo corretto è necessario conoscere e attenersi alle regole, per evitare di incorrere in sanzioni. Ecco cosa fare quando scadono gli estintori e come provvedere al loro smaltimento.

Estintori scaduti: sanzioni

Bisogna sapere che quando gli estintori scadono le sanzioni sono piuttosto pesanti e quindi, per evitarle, è necessario controllare la scadenza degli estintori.

Tuttavia, gli estintori quando scadono devono essere smaltiti secondo un procedimento ben preciso, previsto dalle normative italiane in materia di rifiuti.

Gli estintori scaduti o non funzionanti infatti devono essere smaltiti correttamente, perché al loro interno si possono trovare delle sostanze tossiche, dannose sia per la salute dell’uomo che per l’ambiente.

Per questo bisogna affidarsi a ditte specializzate che effettuano un servizio apposito per lo smaltimento degli estintori.

Estintori scaduti: cosa fare

Il servizio di aziende specializzate nello smaltimento estintori ti esonera da qualunque responsabilità e ti consente di gestire tutto senza pensieri.

Sono loro a provvedere al ritiro di questi rifiuti speciali che poi verranno disassemblati in modo tale che ogni componente possa essere avviato al riciclo.

Le aziende che si occupano di smaltimento estintori eseguono ogni fase dell’operazione nel pieno rispetto delle normative della Comunità Europea e dell’ambiente.

Per poter smaltire alla scadenza estintori a polvere e provvedere a smaltire sempre alla scadenza estintori co2 devi obbligatoriamente attribuire al prodotto un codice CER, che classifica le varie tipologie di spazzatura secondo le direttive imposte dalla CEE.

I codici CER si dividono in non pericolosi e pericolosi. Per quanto riguarda gli estintori, i codici CER attribuibili sono i seguenti:

  • Estintori a polvere portatili e carrellati (Codice CER 160505)
  • Estintori a schiuma (schiumogeni sintetici e proteinici) derivanti da impianti di spegnimento (Codice CER 160505)
  • Estintori a Co2 (anidride carbonica o biossido di carbonio/diossido di carbonio) portatili e carrellati (Codice CER160505)
  • Estintori ad Halon e bombole derivanti da impianti di spegnimento automatico (Codice CER 160504*)
  • Polvere estinguente (solitamente stoccate in Big Bag da 1000 Kg - Codice CER 160509)
  • Manichette e lance di qualsiasi tipo (CER 150106)

Cosa Fare per lo smaltimento estintori

Una volta attribuito il codice CER, tocca dunque alla ditta specializzata gestire al meglio tutta la procedura. Nel caso di un estintore portatile, sulla base del D.M. 20/12/82, questo non può essere utilizzato dopo il diciottesimo anno di età. Spetta all'azienda manutentrice stabilire che l'estintore è fuori norma, invitando il proprietario a disfarsene poiché il dispositivo non può essere più utilizzato.

Vai all'articolo precedente:Come si usa un estintore?
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image