Pimus: cos'è, cosa contiene e quando è obbligatorio

20 Dicembre 2022
Pimus: cos'è, cosa contiene e quando è obbligatorio

Tra i documenti indicati dalla normativa in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro c’è il Pimus, un documento obbligatorio che i cantieri dove sono previsti i ponteggi devono possedere. Ma in cosa consiste nello specifico questo documento? Scopriamo di seguito tutto quello che c’è da sapere sul Pimus.

Cos'è il Pimus

Il Pimus, acronimo di Piano di Montaggio Uso e Smontaggio dei ponteggi, è un documento tecnico che nel cantiere rappresenta il punto di riferimento per le attività riguardanti i ponteggi, che sono appunto montaggio, smontaggio e trasformazione.

Dunque, si tratta di un documento operativo, che lavoratori e addetti utilizzano per svolgere tutte le operazioni da eseguire con i ponteggi e tutti devono averlo a disposizione, sia la ditta che esegue le attività, che i lavoratori che useranno successivamente i ponteggi.

Chi firma il Pimus

Il documento, per essere redatto e avere validità, deve essere obbligatoriamente firmato. L’art. 136 del dlgs 81/2008 stabilisce che deve essere un tecnico competente a firmare il Pimus, sottolineando che deve valutare le condizioni di sicurezza adottando sistemi adeguati, ma non indica nello specifico quali requisiti deve possedere il tecnico. Si ritiene comunque che a firmare questo documento possono essere:

  • Un tecnico abilitato alla progettazione del ponteggio
  • Il datore di lavoro che ha esperienza pregressa
  • Il RSPP, ovvero il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione
  • Il preposto alla sorveglianza del ponteggio con esperienza

Chi redige il Pimus

Ad indicare chi redige il Pimus è sempre l'articolo 136, che trasferisce al datore di lavoro l’obbligo di redigere questo documento. Non solo, l’articolo spiega anche come fare un Pimus, sottolineando che sono necessari due elementi per realizzarlo, nello specifico:

  • La condizione della sicurezza sul lavoro riguardante il cantiere in questione
  • La struttura del ponteggio che bisogna utilizzare nel cantiere

Dopo essere stato redatto, il documento va lasciato in cantiere, a disposizione degli organi di controllo che in caso di visite di ispezione chiedono di esibirlo. A stabilirlo è l'art. 134 del D.Lgs. 81/08, che obbliga i cantieri dove c’è uso di ponteggi a tenere una copia del Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio.

Il documento deve anche rimanere a disposizione dei lavoratori che utilizzano il ponteggio e del preposto che si occupa della sorveglianza.

Quando redigere il Pimus

Il Pimus deve essere redatto dal datore di lavoro prima di iniziare i lavori di montaggio dei ponteggi, ma se è necessario si possono fare delle variazioni durante il montaggio. In questo caso il documento deve essere aggiornato inserendo le nuove disposizioni. Lo scopo di questo documento è quello di garantire la sicurezza in cantiere e nello specifico:

  • Del personale che svolge le attività riguardanti i ponteggi
  • Di tutti coloro che per qualsiasi motivo possono essere coinvolti nelle attività anche se non sono addetti, come per esempio residenti o fruitori della struttura dove deve essere realizzato il ponteggio

Quando il Pimus è obbligatorio

Il Pimus obbligatorio deve essere redatto per determinati tipi di ponteggio:

  • Tutti i casi di ponteggi metallici fissi, anche se è mobile e temporaneo, a prescindere dalle dimensioni e dalla struttura del piano
  • Impalcature o altre opere realizzate con elementi di ponteggi metallici fissi
  • Ponteggi realizzati in legno

Invece, per lavori al di fuori dai ponteggi come parapetti, ponti su ruote, su cavalletti e roba del genere, non è necessaria la redazione del Pimus.

Cosa contiene il Pimus

A specificare cosa contiene il Pimus è l'allegato XXII del D.Lgs. 81/08. L’allegato attesta che oltre ai dati riguardanti il datore di lavoro, il luogo, gli addetti e il tipo di ponteggio, il Pimus deve anche contenere:

  • Dati che identificano il luogo di lavoro
  • Generalità del datore di lavoro dell'azienda che deve svolgere le attività di montaggio e smontaggio del ponteggio
  • Nomi degli addetti ai lavori che devono eseguire le operazioni di montaggio e smontaggio del ponteggio
  • Disegno esecutivo del ponteggio e dati identificativi dello stesso
  • Progetto del ponteggio, quando è previsto
  • Indicazioni generali per le attività di montaggio e smontaggio del ponteggio
  • Realizzazione del ponteggio e come farlo passo dopo passo, con schemi, foto e disegni
  • Regole da seguire durante l’uso del ponteggio
  • Valutazioni sul ponteggio da fare prima del montaggio e durante l’utilizzo

Anche se non esiste un unico modello di Pimus a cui fare riferimento per redigerlo, ogni cantiere presenta comunque delle attività particolari e dei rischi. Di conseguenza il datore deve prestare attenzione a qualsiasi dettaglio e riportarlo nel documento.

Infatti, esistono cantieri più semplici e altri più complessi e quindi occorre adottare per ciascuno dei sistemi specifici sia per la valutazione dei rischi che riguardo alle misure per tutelare l'incolumità dei lavoratori.

Una volta redatto, il Pimus va allegato al Piano Operativo di Sicurezza o POS, come risultato della valutazione dei rischi riguardanti i lavoratori in quota.

Vai all'articolo precedente:ISO 45001: normative, procedure, vantaggi
Vai all'articolo successivo:Gas radon: normativa e sicurezza sul lavoro
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.

Iscriviti alla Newsletter ed ottieni 5€ di Sconto!

Subito per te un Coupon da utilizzare sul Tuo Acquisto!

Iscriviti subito×
Torna su