Italiano
  
Menu

Dispositivo uomo a terra: come funziona e normativa vigente

24 Marzo 2021
Dispositivo uomo a terra: come funziona e normativa vigente

Il dispositivo uomo a terra può essere uno strumento decisivo, in grado di salvare delle vite nei casi più gravi. La sua importanza non può essere trascurata, in particolare per alcune categorie di persone, come vedremo. Anzi, talvolta questo vero e proprio segnalatore di uomo a terra è previsto per legge in alcuni contesti professionali.

Come funziona il dispositivo uomo a terra

Per capire di cosa stiamo parlando, proviamo a conoscere nel dettaglio il funzionamento di un sistema uomo a terra tradizionale.

Il compito che deve svolgere un rilevatore uomo a terra è facile da intuire: si tratta di un dispositivo in grado di lanciare allarmi automatici e non, in modo da segnalare la presenza di una persona in difficoltà e in potenziale pericolo, nelle situazioni in cui questa non è in grado di chiedere aiuto autonomamente, o nel momento in cui si trova isolata e non può quindi essere vista da nessuno nella sua situazione di pericolo.

Per assolvere a questa specifica funzione, i localizzatori GPS per persone a terra si dotano di una serie di allarmi che scattano in automatico al verificarsi di determinate situazioni, riconosciute come pericolose e potenzialmente letali per la persona che le subisce.

I migliori gps uomo a terra sono infatti dotati di sensori in grado di captare la perdita di verticalità, garantendo pertanto l'invio di una segnalazione di pericolo nel caso una persona cada improvvisamente per un qualsiasi motivo. 

Per trasmettere gli allarmi, un buon segnalatore uomo a terra è sempre dotato di connettività che arriva come minimo allo standard 2G o 3G, per avere una trasmissione dati veloce e stabile verso la centrale designata. Oltre alla trasmissione via rete cellulare, questi dispositivi sono in grado di inviare allarmi anche tramite SMS e di effettuare delle chiamate automatiche, quando viene impostata a monte una determinata condizione: in queste telefonate si possono pre regitrare dei messaggi automatici in grado di dare istruzioni di vario genere.

Naturalmente questo tipo di strumento è fornito di GPS integrato, quindi farsi trovare non sarà un problema in quanto la posizione di chi è dotato di questi rilevatori sarà sempre conosciuta.

Oltre a tutte le impostazioni per l'automazione dei messaggi di allarme, i migliori dispositivi uomo a terra disponibili sul mercato sono dotati anche di tasti fisici che l'interessato può azionare in caso di pericolo: a questi pulsanti possono essere abbinate delle cosiddette "scorciatoie" che portano alle chiamate d'emergenza, senza quindi la necessità di comporre numeri di telefono per chi potrebbe trovarsi in una situazione di panico o shock in seguito ad un trauma o ad un pericolo improvviso.

La normativa vigente riguardante i dispositivi uomo a terra

Abbiamo visto le caratteristiche del dispositivo uomo a terra, come funziona e quali sono le sue peculiarità. I campi di applicazione sono numerosi, perché garantire la protezione delle persone non è mai una cattiva idea.

Ma oltre alla prudenza, l'utilizzo di questi dispositivi non solo è consigliato, ma anche imposto per legge in alcune situazioni specifiche. Il dispositivo uomo a terra per lavoratori isolati, infatti, è un presidio di sicurezza indispensabile per adempiere al D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, noto anche come testo unico della sicurezza, che prevede l'obbligo, in capo al datore di lavoro, di adottare tutte le misure di sicurezza necessarie alla tutela della salute dei propri lavoratori dipendenti.

Nel caso quindi di lavoratori costretti per via delle loro mansioni a operare isolati, senza perciò l'ausilio di colleghi vicini a loro, per assicurare un livello di sicurezza aderente alle norme previste, è quindi buona regola fornire in dotazione uno di questi dispositivi.

Esiste proprio all'interno della disposizione di legge un capitolo apposito che norma la condizione del lavoro isolato, specificando le fattispecie di mansioni previste e indicando tra gli obblighi quello di fornire a chi presta attività in luoghi isolati, oltre al pacchetto di medicazione per il primo soccorso, anche un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare in maniera rapida un segnale di emergenza in caso di necessità.

Quindi possiamo riassumere che il dispositivo uomo a terra è un presidio indispensabile per alcune categorie di lavoratori, reso obbligatorio a norma di legge per salvaguardare la sicurezza sul posto di lavoro.

A chi serve un dispositivo uomo a terra?

Abbiamo appena visto come la legge preveda l'obbligo di dispositivo uomo a terra in alcune situazioni, ma questo tipo di strumento trova la sua giusta applicazione solo in ambiti relativi alla sicurezza professionale?

La risposta è no, e vediamo subito quali sono le categorie che possono trovare utile avere a disposizione un segnalatore di uomo a terra con tutte le caratteristiche che abbiamo elencato prima.

Gli anziani sono ovviamente la categoria maggiormente interessata da questo tipo di strumento: pensiamo ad una persona di terza età che vive sola, magari in un contesto abitativo isolato. Avere a disposizione un dispositivo in grado di mandare un allarme quando viene persa la posizione eretta, o che può lanciare delle specifiche chiamate in caso di malore, può senza mezzi termini salvare una vita.

Ma questo tipo di segnalatore può essere anche utile da affidare a dei bambini, istruendoli sui tasti da pigiare in caso di pericolo.

Insomma sono veramente molti gli utilizzi e le categorie che possono affidarsi ad un dispositivo uomo a terra per la sicurezza.

Vai all'articolo precedente:Abbigliamento da lavoro Fristads: resistente, certificato, sostenibile
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image