Dispositivi di protezione dielettrici: chi li usa e che caratteristiche hanno

8 Dicembre 2021
Dispositivi di protezione dielettrici: chi li usa e che caratteristiche hanno

Una categoria dpi ancora poco conosciuta, ma essenziale per alcuni lavoratori. Si tratta dei dispositivi di elettricità, utilizzati soprattutto da chi si occupa di eseguire lavori in presenza di elettricità, manutenzioni e molto altro.

Ecco una guida alle regole che bisognerà seguire per i dispositivi di protezione dielettrici, e anche alle loro caratteristiche.

Che cosa sono i dispositivi di protezione dielettrici

I dispositivi di protezione dielettrici sono quegli accessori necessari al fine di proteggere un operatore durante lo svolgimento di un'attività, che comporti l'intervento su impianti elettrici e affini. Sono quindi delle barriere grazie alle quali sarà possibile evitare incidenti e infortuni.

Questi dpi dielettrici comprendono, tra gli altri, alcuni accessori come i guanti, i manicotti, le calzature, gli elmetti e le visiere, ma anche gli attrezzi isolanti. Anche l’abbigliamento dovrà essere adeguato, ad esempio dovrà possedere proprietà ignifughe per evitare che, in caso di incendio, l’operatore possa rischiare gravi ustioni.

Chi indossa i dpi dielettrici?

A questo punto, ci si potrebbe chiedere chi debba effettivamente indossare questi dispositivi di protezione.

La direttiva che regola l’uso dei dispositivi di protezione di questo tipo è la 89/686/CEE con le successive modifiche e integrazioni, così com’è stata recepita anche dall’Italia.

I dispositivi dovranno essere usati e indossati in modo obbligatorio da tutti coloro che si occupano di eseguire lavori elettrici sotto tensione a contatto, in quanto garantiscono una protezione più che adeguata contro lo shock elettrico.

Quindi gli elettricisti, ma anche coloro che svolgono l’attività di creazione e manutenzione degli impianti elettrici, dovranno indossare tali dispositivi, non solo perché obbligatori, ma perché in grado di evitare gravi incidenti.

Le caratteristiche dei dispositivi

Questi dispositivi hanno caratteristiche particolari, e vengono classificati sulla base del tipo di protezione che sono in grado di assicurare all’operatore.

Esistono dispostivi in grado di salvaguardare gli utilizzatori dai danni lievi, come accade per i guanti dielettrici e tutto ciò che può essere utilizzato per le mani. Molto, però, dipenderà dalla certificazione del dispositivo.

Esistono poi dispositivi che hanno come obiettivo quello di proteggere da rischi di morte o lesioni gravi. Questi sono quelli progettati in modo specifico per proteggere dalle tensioni elettriche pericolose, ad esempio dall’alta tensione.

Anche in questo caso si potranno trovare guanti dielettrici, ma anche scarpe dielettriche e stivali dielettrici.

Per capire ancora meglio come funzionino, e quali siano le caratteristiche di questi dispositivi, si può partire dai guanti dielettrici.

Questi vengono classificati così come indicato di seguito:

  • Guanti dielettrici classe 00 - tensione massima volt 500
  • Guanti dielettrici classe 0 - tensione massima volt 1000
  • Guanti dielettrici classe 1 - tensione massima volt 7500
  • Guanti dielettrici classe 2 - tensione massima volt 17000
  • Guanti dielettrici classe 3 - tensione massima volt 26500
  • Guanti dielettrici classe 4 - tensione massima volt 36000

Troviamo poi le scarpe e gli stivali dielettrici. Per le calzature ci si deve basare su una classificazione che comprende standard europei ed anche extraeuropei. Infatti, le scarpe possono seguire la classificazione canadese e americana, avendo una resistenza elettrica fino a 20 mila Volt per un minuto, oppure quella europea, garantendo una resistenza elettrica maggiore di 1000MΩ.

Infine, troviamo i caschi protettivi dielettrici. Questi hanno come obiettivo quello di proteggere l'operatore nel momento in cui sta svolgendo lavori elettrici sotto tensione per i quali è previsto un rischio di contatto diretto del capo con le parti attive in tensione. Questi caschi ed elmetti possono essere con o senza visiera, e sono resistenti, spesso con garanzie che possono arrivare anche ai sette anni di utilizzo. Sono compatibili anche con l'utilizzo di altri dpi, come le cuffie.

Vai all'articolo precedente:Scarpe antinfortunistiche ESD: usi, caratteristiche, normativa
Vai all'articolo successivo:Come lavare guanti da lavoro in pelle ed evitare che induriscano
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su