Come mettere i tappi per le orecchie antirumore?

Come mettere i tappi per le orecchie antirumore?

La protezione dell’udito è una delle tante priorità a tutela dei lavoratori prevista dalle normative vigenti. A questo proposito esistono dei tappi per le orecchie appositamente studiati per tutelare l’udito. Vediamo di cosa si tratta nello specifico, quali tipologie scegliere e come mettere tappi per le orecchie.

Come indossare i tappi per le orecchie

Il compito dei tappi per orecchie antirumore è quello di creare una barriera fisica tra il timpano ed rumori esterni. Si tratta di semplici dispositivi previsti da una specifica normativa che impone il datore di lavoro, dove fosse necessario, di dotare il personale di questi apparecchi individuali per tutelare la salute dell’udito. Ma quali sono i tappi per orecchie antirumore migliori e come sceglierli? Grazie alla presenza di diverse tipologie di tappi per le orecchie antirumore è possibile scegliere quelli più adatti a proteggere dai vari rischi, l’importante è indossarli correttamente.

Come inserire i tappi per le orecchie

Come inserire tappi antirumore? L’inserimento tappi antirumore è facile, basta metterli nel condotto uditivo esterno ad una profondità massima di 15 mm. Le numerose versioni presenti nel nostro shop facilitano la scelta e consentono di adottare il modello più indicato alle varie esigenze. Prodotti con materiali di ottima qualità, sono a norma e rispettano i requisiti richiesti dalla normativa vigente. I tappi antirumore funzionano? Certamente sì, bisogna però scegliere prodotti adeguati al rumore da cui ci si deve proteggere e costruiti adeguatamente per assicurare l’attenuazione del rumore.

Inserti auricolari come inserirli

Per inserire gli inserti auricolari devi prima di tutti assicurarti che le mani e gli inserti siano puliti prima di indossarli. Ecco come procedere:

  • Arrotola e comprimi lentamente gli inserti con le dita, aumentando gradualmente la pressione fino ad ottenere un cilindro sottile e senza pieghe
  • Inserisci bene l’inserto all’interno del condotto uditivo. Per facilitare l’operazione tira l’orecchio verso l’esterno e verso l’alto con la mano opposta
  • Verifica se è indossato bene. Toccando l’inserto dopo che si è espanso nell’orecchio dovresti sentire solo la parte finale. La maggior parte degli inserti deve stare all’interno del condotto uditivo
  • Se ti rendi conto che la maggior parte dell’inserto è rimasta fuori dal canale uditivo, rimuovi gli inserti e ripeti l’inserimento

Tappi antirumore controindicazioni

I tappi antirumore fanno male? Vi sono delle controindicazioni per questi dispositivi dell’udito? In realtà non vi sono vere e proprie controindicazioni, e la sola precauzione da prendere è quella di ricordare di non spingerli mai troppo a fondo, per non rischiare di andare a toccare la membrana che avvolge il timpano, provocando di conseguenza infiammazione e dolore. Inoltre, è bene evitare di utilizzare i tappi per le orecchie nel caso si soffra di eritema, perché potrebbero far irritare cute del condotto uditivo.

Un altro motivo per non spingere i tappi verso l’interno è quello di non far aumentare la pressione nel condotto uditivo esterno e provocare dolore. Questo può accadere con i tappi espandibili che, se spinti eccessivamente in basso rendono difficoltosa l’estrazione.

Inserti auricolari caratteristiche

È possibile scegliere, tra l’ampia gamma di dispositivi per l’udito, tappi o cuffie antirumore, anche queste presenti in diverse tipologie e molto diffuse in determinati ambienti di lavoro. E a seconda delle cause del rumore è possibile scegliere cuffie o inserti auricolari. Questi ultimi sono realizzati in schiuma e possono essere modellabili, preformati e riutilizzabili, con archetto e disponibili in varie misure. Per essere utilizzati correttamente occorre che il datore di lavoro fornisca ai dipendenti una adeguata formazione.

L’utilizzo inserti auricolari deve essere costante e devono essere indossati per tutta la durata dell’esposizione al rumore. Un corretto utilizzo inserti auricolari permette di ottenere una reale attenuazione del rumore ed evita danni all’orecchio.

Inserti auricolari normativa

La normativa europea UNI EN 458:2016 fornisce delle linee guida per la scelta, l’utilizzo e la manutenzione dei dispositivi auricolari. Ogni DPI-u deve infatti essere marcato CE e deve riportare i dati di attenuazione sonora previsti dal fornitore espressi in dB in base a tre modalità:

  • APVf – si riferisce all’attenuazione sonora del DPI-u per lo spettro di frequenza in banda d’ottava da 63 Hz a 8000 Hz
  • HML – si riferisce con tre valori all’attenuazione sonora del DPI-u per le frequenze alte (H), medie (M) e basse (L)
  • SNR – si riferisce con un solo valore alla Simplified Noise Reduction, cioè l’attenuazione sonora semplificata.

Per ottenere i livelli in frequenza del rumore sul posto di lavoro bisogna eseguire un’analisi in frequenza del rumore tramite un fonometro munito di pacco filtri a bande d’ottava o un analizzatore di frequenza in tempo reale.

Questi strumenti devono essere conformi ai requisiti richiesti dalle normative CEI EN 61672-1:2014 e CEI EN 61260:1997.

L’art. 193, comma 2 del D.Lgs. 81/2008 obbliga il Datore di Lavoro a considerare l’attenuazione dei DPI-u per fare una valutazione della loro efficienza e che rispettino i valori limite di esposizione.

Vai all'articolo precedente:Sicurezza sul lavoro nelle celle frigorifere: tutto quello che c'è da sapere
Vai all'articolo successivo:Polveri di legno: quali sono gli effetti dell'esposizione sul luogo di lavoro
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image