A cosa servono i guanti dielettrici e quando usarli?

A cosa servono i guanti dielettrici e quando usarli?

I guanti dielettrici sono dei dispositivi di protezione individuale che devono essere indossati necessariamente durante lo svolgimento dei lavori a contatto con l'elettricità. Scopriamo nel dettaglio a cosa servono e quando usarli.

Guanti dielettrici a cosa servono

Quelli dielettrici sono guanti isolanti che servono per svolgere lavori elettrici in tensione o vicino a parti attive non protette. Questo specifico tipo di guanto protegge dalle scosse elettriche ed evita incidenti che possono essere anche fatali, come shock elettrico e ustioni. Indossarli è obbligatorio e non bisogna mai sottovalutare la pericolosità dell’intervento che si va ad eseguire.

Guanti dielettrici quando usarli

Quando usare guanti dielettrici? Questi dispositivi di protezione individuale devono essere indossati obbligatoriamente per effettuare lavori elettrici sotto tensione a contatto, perché garantiscono una protezione adeguata contro lo shock elettrico.

Guanti dielettrici normativa

La normativa guanti dielettrici EN 60903 prevede l’utilizzo di guanti certificati progettati per tutelare da scosse elettriche nel corso dell’esecuzione di lavori sotto tensione. La normativa stabilisce che questi DPI devono superare tutti i test necessari e soddisfare i vari requisiti, ovvero quelli di natura meccanica e termica, riguardanti la resistenza alla fiamma e all’invecchiamento, i termini di scadenza e le informazioni contenute nelle marcature. La certificazione guanti dielettrici garantisce quindi la conformità di questi dispositivi che si suddividono in diverse categorie, da scegliere in base alle esigenze. La classificazione guanti dielettrici comprende:

  • Guanti dielettrici classe 00 - tensione massima volt 500
  • Guanti dielettrici classe 0 – tensione massima volt 1000
  • Guanti dielettrici classe 1 - tensione massima volt 7500
  • Guanti dielettrici classe 2 - tensione massima volt 17000
  • Guanti dielettrici classe 3 - tensione massima volt 26500
  • Guanti dielettrici classe 4 - tensione massima volt 36000

Ognuna delle categorie guanti dielettrici sopra indicate, come visto, risponde ad un determinato valore di tensione di utilizzo e quindi devono essere scelti a seconda della classe di isolamento rispondente al livello di tensione dell’impianto su cui bisogna eseguire l’intervento.

Per quanto riguarda i materiali, questi guanti da lavoro sono disponibili in due principali tipologie, in lattice e in materiale composito. I guanti in lattice garantiscono caratteristiche dielettriche molto elevate e devono essere utilizzati con un guanto di cuoio sopra per proteggere nella maniera corretta. I guanti in materiale composito sono molto resistenti alla perforazione e agli strappi e non necessitano di ulteriore guanto di copertura. Ad ogni modo, sia un caso che nell’altro casi si possono indossare sotto dei guanti antisudore in cotone realizzati appositamente per questo scopo.

Marcatura guanti dielettrici

La marcatura CE è un altro requisito che non può mancare nei guanti dielettrici. Lo prevede sempre la normativa EN 60903 e anche quella EN 420, che attestano l’obbligatorietà del marchio CE come un altro elemento di garanzia della qualità dei guanti isolanti. La marcatura può anche comprendere una categoria che specifichi la resistenza dei guanti a determinati pericoli. Nella marcatura devono comunque essere contenuti i requisiti, i termini di scadenza e i dati riguardanti i guanti dielettrici.

Scadenza guanti dielettrici

L’utilizzo guanti dielettrici è soggetto alla scadenza. Si tratta di un altro dei requisiti previsti nella normativa EN 60903, in cui viene raccomandata la verifica periodica o la sostituzione dei guanti ogni 6 mesi. Infatti, è importante sapere che i guanti dielettrici utilizzati o stoccati hanno una durata limitata, che bisogna rispettare per usufruire della loro efficacia. Secondo la normativa prima citata bisogna fare una revisione anche se non vengono utilizzati oppure provvedere alla loro sostituzione. Inoltre, bisogna anche ricordare che per ottenere una protezione migliore e una maggiore durata dei guanti bisogna conservarli in un luogo protetto all’interno di una custodia.

Guanti dielettrici verifica periodica

Come previsto dalla normativa, questi guanti devono essere sottoposti ad una verifica periodica per garantire l’efficacia per cui sono realizzati. Tutti i guanti, quindi inclusi anche conservati in magazzino, non devono essere utilizzati se non sono stati sottoposti a verifica da meno di sei mesi. Sono due le fasi delle prove che vengono effettuate periodicamente:

  • Prova pneumatica - i guanti vengono gonfiati con aria per accertare se vi sono fughe d’aria. I guanti gonfiati vengono anche ispezionati visivamente per controllare la presenza di eventuali imperfezioni.
  • Prova dielettrica - i guanti vengono sottoposti nuovamente ai test dielettrici uno ad uno secondo la norma IEC 60903.

La verifica pneumatica in genere è sufficiente per i guanti Classe 0 e 00, che sono anche i più utilizzati. Il test dielettrico viene eseguito dal costruttore oppure da specifici laboratori a cui magari affida il lavoro lo stesso costruttore. E’ bene comunque sottolineare che di solito la prova elettrica non viene mai eseguita, per cui è opportuno considerare semestrale la scadenza dei guanti dielettrici per tensioni superiori a 1000 V. Trascorso questo periodo deve essere fatta obbligatoriamente la sostituzione.

Vai all'articolo precedente:Polveri di legno: quali sono gli effetti dell'esposizione sul luogo di lavoro
Vai all'articolo successivo:Come indossare imbracatura anticaduta e quale scegliere
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image